Agile Agorà Arvier

Agile Arvier – La cultura del cambiamento. Sì, proprio cambiamento, dato che sono state anche approvate dal ministero della Cultura le modifiche al progetto, finanziato dall’UE, Next Gen EU a valere sul PNRR. Nascerà nel borgo di Arvier (AO) un nuovo spazio denominato Agile Agorà Arvier.

Il progetto

Finanziato dall’Unione Europea – NextGenerationEU, nell’ambito del PNRR, il progetto ‘Agile Arvier – La cultura del cambiamento’, con una dotazione finanziaria di 20.000.000 euro, si compone di 12 azioni, tra cui 5 LAB tematici – intesi quali spazi di confronto e condivisione sui principali cambiamenti economici, ambientali, sociali e culturali – e 5 connessi ad interventi infrastrutturali, oltre a due azioni trasversali (gestione e comunicazione). Avviato nella seconda metà del 2022, il progetto si concluderà il 30 giugno 2026.

Durante il confronto di oggi, 12 dicembre, fra ministero della Cultura, la Regione autonoma Valle d’Aosta e il Comune di Arvier. sono state discusse innovazioni significative relative al progetto di cui il Comune è Soggetto attuatore. Tra le più rilevanti, si segnala la trasformazione della ex Scuola materna/elementare di Arvier in uno spazio aggregativo destinato ad ospitare attività culturali, ludico-ricreative e educative, secondo il modello degli spazi di coliving/coworking.

Denominato ‘Agile Agorà Arvier’, il nuovo intervento si concentra sulla demolizione della ex-scuola materna/elementare e la costruzione di un edificio a basso impatto ambientale, anche al fine di promuovere l’applicazione di nuove tecniche costruttive orientate alla sostenibilità. Le modifiche proposte dal Comune di Arvier, di concerto con la Regione, prevedono inoltre il potenziamento degli interventi sulla ex ‘Micro comunità di Arvier’ destinata ad ospitare le attività dell’Associazione transfrontaliera ‘Teraction’ oltre alle prime attività realizzate dai LAB, la valorizzazione del ‘Museo dell’arte sacra’ situato nella Chiesa parrocchiale e il miglioramento dell’accessibilità ai Borghi di Arvier e Leverogne. Quest’ultimo sarà, tra l’altro, oggetto di un importante intervento di recupero e valorizzazione per garantirne una maggiore vivibilità e attrattività per i cittadini e ospiti della Valle.

È stato, inoltre, fatto il punto sull’attuazione dei LAB previsti dal Progetto “Agile Arvier”, mettendo in luce le prossime azioni che saranno intraprese. Questi ‘centri’ di innovazione sociale, culturale, ambientale e digitale giocheranno un ruolo cruciale nel catalizzare le energie creative e operative della comunità, contribuendo alla creazione di un ecosistema sociale e culturale coeso e dinamico.

Il Ministero della cultura ha, quindi, espresso il proprio sostegno a queste modifiche, riconoscendo il loro potenziale impatto positivo sulla comunità.

Con il primo bimestre del 2024, partiranno le prime attività dei LAB grazie alla recente approvazione da parte del Consiglio comunale di Arvier della Convenzione con Arpa Valle d’Aosta e Fondazione Montagna sicura per l’attuazione delle attività previste dal ‘Green Lab’ che si propone di creare nel Comune di Arvier e, in particolare, nel Borgo di Leverogne, uno spazio di confronto, ricerca e sensibilizzazione sui grandi cambiamenti ambientali che coinvolgono lo spazio alpino.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Loreena McKennit al Forte di Bard