Casorati, Klimt e Sakurai

L’offerta espositiva della Valle d’Aosta si arricchisce questo fine settimana di tre nuove proposte.
Al Museo archeologico regionale di piazza Roncas, ad Aosta, è aperta al pubblico da oggi, sabato 2 dicembre, la mostra Felice Casorati. Pittura che nasce dall’interno.
Curata da Alberto Fiz, l’esposizione propone oltre cento opere tra dipinti, sculture, disegni e bozzetti teatrali, databili dal 1904 al 1960, che consentono di rileggere il percorso creativo di Casorati, uno dei maggiori artefici del Novecento attraverso sei sezioni dedicate non solo alla pittura, ma anche a un ambito di ricerca meno indagato, la scultura. Tra i capolavori proposti troviamo Le vecchie comari, 1908, Persone, 1910, Le ereditiere, 1910, Maria Anna De Lisi, 1918, Tiro al bersaglio, 1919, Le due sorelle, 1921, Donne in barca, 1933, Testa gialla, 1950.
Quadro-evento al Forte di Bard per l’inverno 2023/2024. La Cappella militare del Forte accoglie dal 1° dicembre al 10 marzo Ritratto di signora, l’opera di Gustav Klimt, tra i più significativi e celebri artisti della Secessione viennese, appartenente alla Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi di Piacenza. La storia del dipinto, segnata da avventurose vicende, viene svelata attraverso un allestimento di grande impatto che farà da preludio e da cornice all’opera, grazie ad un progetto curato da Forte di Bard, Galleria d’Arte Moderna Ricci Oddi e Skira.
Infine alla smart gallery Inarttendu di via Martinet ad Aosta, fino al 20 dicembre sarà possibile ammirare Symbol & Colors, dell’artista giapponese Shinya Sakurai. L’esposizione riunisce tele di vario formato come un campionario di forme che si combinano geometricamente secondo una logica di ripetitività seriale.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Klimt tira la volata al Forte di Bard