Emozione e adrenalina corrono sul grande schermo

Sono storie di piccole e grandi imprese quelle che si potranno vedere nella maratona del Banff Mountain Film Festival World Tour Italia, la rassegna dedicata a film di montagna e outdoor che fa tappa ad Aosta con le migliori produzioni presentate durante l’omonimo festival canadese.
Sono storie di amicizia e incredibili traguardi, di libertà nell’esplorare la natura più incontaminata. Dalle montagne del Tien-Shan, per un’avventura sugli sci tra antichi popoli nomadi sulla via della Seta, alla esperienza immersiva di una scalata sulle montagne della Sierra Nevada; dalla sorprendente connessione tra la musica jazz e lo sci, alla svolta di una rock star che decide di diventare allevatore di bufali nelle gelide terre del grande nord canadese; da una surreale e solitaria esperienza su due ruote sulle pendici del vulcano Fuego in Guatemala, prima della sua storica esplosione nel maggio 2023, alla Norvegia, con la magia di una non troppo tipica avventura famigliare, per una famiglia che tipica non è.
L’appuntamento è lunedì 18 marzo, alle 20 al Cinéma de la Ville di Aosta.
La tappa valdostana è organizzata con il patrocinio dell’Unione valdostana guide di alta montagna, impreziosita dalla presenza come ospite sul palco dell’alpinista valdostano e guida alpina Jérome Perruquet, ambassador La Sportiva, con al suo attivo spedizioni in Patagonia, Nepal, Pakistan e India, nella Miyar Valley. La serata proporrà otto corto e mediometraggi provenienti da Francia Stati Uniti e Canada.
La rassegna affianca allo spettacolo e all’adrenalina anche un impegno ambientale. « Ogni 100 biglietti venduti, Banff Italia adotterà 1 albero per contribuire alla riforestazione di territori in sofferenza, promuovendo una maggiore consapevolezza ambientale e coltivando un senso di speranza nel futuro», dichiara Alessandra Raggio, Ceo Itaca the Outdoor Community.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Roberto Vecchioni al Forte di Bard