Il ritorno del vice questore Rocco Schiavone

Rocco Schiavone è pronto a tornare in Valle d’Aosta per le riprese della nuova stagione.

La produzione della serie tv della Rai ispirata al protagonista dei romanzi di Antonio Manzini, il burbero vice questore romano Rocco Schiavone, interpretato da Marco Giallini, spedito ad Aosta come punizione, conferma la nuova stagione e apre le candidature per i casting.

Le riprese si terranno questa primavera.

Si cercano uomini e donne tra i 18 e i 75 anni, residenti in Valle d’Aosta, per lavorare come comparse che saranno impegnate tra l’11 marzo e il  13 aprile 2024.

La candidatura potrà essere inviata anche da chi ha già lavorato come comparsa nelle precedenti stagioni.

Si cercano inoltre uomini e donne tra i 50 e i 75 anni, residenti in Valle d’Aosta, con esperienza di recitazione, anche amatoriale, che non abbiano ancora preso parte alle precedenti stagioni.

In entrambi i casi il lavoro sarà regolarmente retribuito.

È possibile candidarsi compilando il modulo qui entro il 28 febbraio 2024.

Le persone selezionate saranno contattate successivamente dai responsabili del casting.

Per ogni informazione è possibile scrivere esclusivamente a schiavonecasting@gmail.com.

Il sostegno di Film Commission

Anche questa stagione avrà il sostegno della Film Commission Valle d’Aosta.

«Con grande piacere siamo pronti a riaccogliere la troupe del nostro vicequestore preferito, Rocco Schiavone, con i camion della produzione che torneranno ad animare il centro di Aosta» dice Alessandra Miletto, direttrice di Film Commission Vallée d’Aoste.

«Come d’abitudine, insieme a tutta la comunità valdostana, saremo in prima linea per sostenere la nuova stagione e per fare sì che le riprese si svolgano per il meglio».

La messa in onda delle puntate registrate questa primavera è prevista per l’inverno.

Zeen is a next generation WordPress theme. It’s powerful, beautifully designed and comes with everything you need to engage your visitors and increase conversions.

Altre storie
Sci: l’apertura di Pila slitta al 7 dicembre